Storia della mia passione

Nato nell’Ottobre del 1963 iniziai la mia storia con la radio e la mia passione per il radiantismo nel 1979 con il baracchino CB. Visto il mio crescente interesse per l’elettronica mio padre a quel tempo acquistò il TYCOON 46 canali con sola modalità AM ed un'antenna "Boomerang" che nonostante fosse fissata sulla ringhiera della terrazza di sala faceva miracoli vista la posizione collinare della casa. In quegli anni la CB non era più una novità ma era un mezzo tecnologico di comunicazione di non poco conto che molti vedevano con un particolare interesse. Mi “baloccai” pertanto qualche annetto con il baracchino. Nel 1986 acquisii l'autorizzazione ministeriale per l'ascolto delle bande radioamatoriali (l'indicativo era FI/1782) e poi nel 1988 iniziai tramite l'Associazione Radioamatori Italiani Sezione di Firenze (ARI Firenze) il corso preparativo all’esame per la patente di “operatore di Stazione di Radioamatore” . Superai l'esame nello stesso anno (l'indicativo che mi fu attributo era IK5MEP che mantengo ancor oggi) e da allora ho spaziato nei più vari settore del radiantismo, dalle onde corte alle V-UHF, dal CW i modi digitali. Sono stato uno dei pionieri dei BBS (le banche dati via radio) gestendo il secondo BBS della città di Firenze interallacciato ad altri BBS della rete nazionale. La vera esperienza non è stata la configurazione e la gestione di un programma da computer ma l'adattamento degli apparati radio commerciali a trasmettere i dati anche ad alta velocità. Abbandonai le HF dal 1993 e terminai anche le esperienze con il BBS nell’anno 2000 fermandomi anche con le esperienze radiantistiche. Il fermo dell'attività del BBS fu dovuto a più a motivi economici che di interesse, aveva dei costi proibitivi sia in termini di consumi elettrici e sia in termini di manutenzione/acquisto degli apparati per non parlare poi delle installazioni (specialmente quelli da installare nei nodi ripetitori in montagna) necessarie per connettersi al resto della rete nazionale (Internet ancora non era inglobata nei sistemi radio). Era anche un periodo dove il lavoro impegnava oltre misura ed anche la famiglia voleva la sua parte. Passai diversi anni con le antenne installate, gli apparati funzionanti ma inutilizzati. Dopo un lungo periodo di inattività nel 2014 riesplose un’improvvisa passione per il radiantismo, quindi ripresi l’attività radiantistica di sperimentazione. Oggi pratico l’attività radiantistica con assiduità e sempre crescente interesse. Sono attualmente iscritto all'Associazione Radioamatori Italiani Sezione di Prato (ARI Prato), sono un'assiduo frequentatore di contest internazionali (ai quali partecipo per il solo gusto di esserci) ripromettendomi di non mollare più questa passione che pratico per almeno due ore al giorno spaziando fra le varie modalità che la radio mi permette. Nei ritagli di tempo e METEO permettendo mi troverete anche attivo sulle nostre colline con stazioni portatili o "campali" per il puro gusto di sperimentare condizioni ed antenne sempre diverse. Nuovi argomenti e nuove tecnologie nel campo radiantistico mi stimolano enormemente nel proseguire l'apprendimento e la sperimentazione perchè rendono il campo sempre più interessante con sempre più spunti applicativi, spunti che spesso sono spendibili anche nel quotidiano della vita. Per tutta una serie di motivi non ho mai avuto la possibilità di installare antenne performanti, pertanto ho sempre dovuto accontentarmi di risultati spesso non si sono rivelati molto brillanti rispetto ai risultati ottenuti dagli altri miei colleghi. Questo incute all’interno di me un senso di “frustrazione” con il quale purtroppo ci devo convivere ma che comunque non mina minimamente le basi della sempre crescente passione. Nelle pagine successive troverete notizie e calendari utili all'attività radioamatoriale, troverete i risultati dei miei contest e delle mie esterienze, quindi vi invito a proseguire nelle altre pagine sperando che siano di vostro gradimento.


Torna alla pagina precedente